+39 078926710

+39 078925007

bibliotecasimpliciana@comune.olbia.ot.it

Chiamaci o contattaci via Whatsapp allo 0789.26710 per scegliere il tuo libro. L’iscrizione è gratuita, basta un documento e il codice fiscale e consente l’accesso ai nostri servizi: prestito e restituzione su appuntamento di libri, CD e DVD; utilizzo della connessione WI-FI; edicola digitale e biblioteca digitale. Ricevi le nostre email cliccando qui http://eepurl.com/dwvV5f o copiando il link e incollandolo nel tuo browser

Da A Da A
lun 08:30 13:30 15:00 19:00
mar 08:30 13:30 15:00 19:00
mer 08:30 13:30 15:00 19:00
gio 08:30 13:30 15:00 19:00
ven 08:30 13:30
sab
dom
Orario valido dal 25/05/2020
Nell'ambito della rassegna letteraria "Sul filo del discorso" 2021, vi invitiamo a seguire la presentazione del libro di Alessandro Milan "Un giorno lo dirò al mondo" Dialoga con l'autore: Salvatore Gusinu Il libro è disponibile al prestito in biblioteca https://www.librami.it/Opac/Prospetto/ProspettoSemplice/6891408?idProfiloStruttBibl=12715 Nel settembre del 1993, a Norfolk (Virginia), le acque del fiume Lafayette restituiscono il corpo senza vita della diciassettenne Sarah Wisnosky. Fin dal principio i sospetti ricadono sul fidanzato, il ventiseienne italo-americano Derek Rocco Barnabei, che, al termine di un processo indiziario durato tre settimane, è condannato a morte per violenza sessuale e omicidio. Barnabei si dichiarò innocente e vittima di un complotto. In molti si mobilitarono contro la sentenza. Intervennero esponenti politici, il Parlamento europeo – che adottò all'unanimità una risoluzione sulla pena di morte citando nel documento il caso Barnabei, definendolo controverso, e chiedendo di commutare la condanna in ergastolo –, persino papa Giovanni Paolo II si unì agli appelli. Tuttavia gli estremi tentativi di bloccare l'esecuzione non sortirono alcun effetto. La Corte suprema rigettò i ricorsi presentati e Derek Rocco Barnabei fu giustiziato in Virginia il 14 settembre 2000. Alessandro Milan, agli inizi della sua carriera in una appena nata Radio24, intervistò più volte Barnabei e collaborò a due straordinarie dirette dal braccio della morte. In queste pagine, Milan fonde la puntualità dell'inchiesta giudiziaria con il racconto autobiografico, perché la vicenda di Barnabei non è per lui solo una prova giornalistica, ma un incontro umano che lo investe e lo segna personalmente. Per vent'anni ha cercato risposte agli interrogativi e ai dubbi sulla verità di Derek, seppure nella convinzione che nessuna risposta possa giustificare la barbarie di una condanna a morte. La pena capitale «è sbagliata, sempre e comunque, anche per chi si è macchiato di un crimine efferato oltre ogni ragionevole dubbio». È soltanto una vendetta, «di Stato, ma pur sempre vendetta».
Realizzato nell’ambito della prima edizione della manifestazione. Rivolto agli studenti degli istituti appartenenti alla rete delle scuole della remata della gioventù. Il concorso ha per obiettivo la sensibilizzazione dell’importanza del mare e del territorio in cui viviamo. Gli studenti, gli insegnanti e conseguentemente le famiglie e l’opinione pubblica, condividono la bellezza del mare, sia da spettatori che da protagonisti, con senso di responsabilità e divertimento. Comune di Olbia –Rete Scuole – Lega Navale –Capitaneria di Porto – Area Protetta Tavolara Sponsor : MCM -- Gino Gennai nautica e ferramenta -- NSS -- Dilamar Moderatore: Gianni Mutzu Regia e streaming a cura di Matteo Micozzi per la Biblioteca Civica Simpliciana Collaborazione per l’organizzazione nostromo Antioco Tilocca
Dialoga con l'autore: Salvatore Gusinu Nel settembre del 1993, a Norfolk (Virginia), le acque del fiume Lafayette restituiscono il corpo senza vita della diciassettenne Sarah Wisnosky. Fin dal principio i sospetti ricadono sul fidanzato, il ventiseienne italo-americano Derek Rocco Barnabei, che, al termine di un processo indiziario durato tre settimane, è condannato a morte per violenza sessuale e omicidio. Barnabei si dichiarò innocente e vittima di un complotto. In molti si mobilitarono contro la sentenza. Intervennero esponenti politici, il Parlamento europeo – che adottò all'unanimità una risoluzione sulla pena di morte citando nel documento il caso Barnabei, definendolo controverso, e chiedendo di commutare la condanna in ergastolo –, persino papa Giovanni Paolo II si unì agli appelli. Tuttavia gli estremi tentativi di bloccare l'esecuzione non sortirono alcun effetto. La Corte suprema rigettò i ricorsi presentati e Derek Rocco Barnabei fu giustiziato in Virginia il 14 settembre 2000. Alessandro Milan, agli inizi della sua carriera in una appena nata Radio24, intervistò più volte Barnabei e collaborò a due straordinarie dirette dal braccio della morte. In queste pagine, Milan fonde la puntualità dell'inchiesta giudiziaria con il racconto autobiografico, perché la vicenda di Barnabei non è per lui solo una prova giornalistica, ma un incontro umano che lo investe e lo segna personalmente. Per vent'anni ha cercato risposte agli interrogativi e ai dubbi sulla verità di Derek, seppure nella convinzione che nessuna risposta possa giustificare la barbarie di una condanna a morte. La pena capitale «è sbagliata, sempre e comunque, anche per chi si è macchiato di un crimine efferato oltre ogni ragionevole dubbio». È soltanto una vendetta, «di Stato, ma pur sempre vendetta».
Nell'ambito della rassegna letteraria "Sul filo del discorso" 2021, vi invitiamo a seguire la presentazione del libro di Lidia Fancello. Dialoga con l'autore: Salvatore Gusinu Il brevetto di un'importante invenzione scompare misteriosamente negli anni Venti del secolo scorso per ritrovare la luce dopo settant'anni nell'Archivio di Stato a Roma. Dopo una lunga indagine condotta dai discendenti dell'inventore, partendo da due disegni e qualche sigla, quella che era una leggenda di famiglia riacquista la sua dimensione reale e la sua dignità. Sullo sfondo di una Sardegna ancora rurale, a cavallo tra le due grandi guerre, rivivono le vicende dello sfortunato protagonista e dei personaggi che lo circondano.
Conversando di libri con il Tè letterario Prenotazione obbligatoria allo 0789.26710 massimo 10 persone, partecipazione libera e gratuita I libri di cui si parlerà: nell'incontro 1)L'avversario: Disponibile in Biblioteca 2) Cambiare l'acqua ai fiori Disponibile in Biblioteca 3)La vita davanti a sè Disponibile in Biblioteca
Nell'ambito della rassegna letteraria "Sul filo del discorso" 2021, vi invitiamo a seguire la presentazione del libro di Stefano Piroddi: Sandahlia – la Saga, l’epopea del popolo che osò sfidare Roma, la Storia che ogni Sardo dovrebbe conoscere; Dialoga con l'autore: Antonello Budroni SANDAHLIA- 215 A.C. SANDAHLIA contro ROMA. Il più grande scontro di civiltà del mondo antico rivive nel secondo travolgente romanzo della Saga. Il Senso del Sacro di un popolo in armonia con la Natura e il Cosmo opposto al Nulla Oscuro di un potere alienante e livellatore. “Nessuno nasce per caso. Tutti siamo chiamati a partecipare al dramma dell’esistenza e a calcare il palcoscenico del Mondo, cantando la poesia dei nostri irrinunciabili Sogni e danzando quella melodia che, sullo spartito della nostra Anima, sovrasta tutte le altre.” Amsicora La Storia che ogni Sardo dovrebbe conoscere. Il libro che cambierà per sempre la conoscenza del nostro passato e la percezione del nostro destino.
Con l’arrivo della primavera riprendono gli appuntamenti letterari organizzati dalla Biblioteca Civica Simpliciana e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Olbia. “Primavera con Gli autori”, giunta alla VIII edizione, è il titolo della rassegna letteraria organizzata dalla Biblioteca Civica Simpliciana e promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Olbia, che si articola in 7 incontri con l'autore, dal 31 marzo al 13 maggio 2021 ed alla quale parteciperanno autori e relatori di diverse case editrici regionali e nazionali. Tutti gli appuntamenti della Rassegna saranno trasmessi in diretta streaming sul canale Youtobe della Biblioteca Civica Simpliciana, con inizio alle ore 17:00. L’iniziativa è inquadrata nell’ambito delle attività culturali del Comune di Olbia finalizzate alla promozione della lettura e della Biblioteca Civica Simpliciana, al fine di rafforzare il suo carattere di istituzione al servizio del cittadino, e quindi come centro di promozione di eventi culturali presso la cittadinanza olbiese e gallurese. Ad aprire la rassegna sarà Stefano Piroddi con il romanzo storico dal titolo “Sandhalia – Il sogno di Amsicora“ - Edizioni La Città degli Dei - 31 marzo. I successivi incontri vedranno come protagonisti Lidia Fancello con “Il brevetto scomparso” – Editrice Taphros - 8 aprile , Alessandro Milan con “Un giorno lo dirò al mondo” – Mondadori - 14 aprile , Chiara Meloni e Mara Mibelli con “Belle di faccia” – Mondadori - 23 aprile. La rassegna incontrerà ancora Cecilia Parodi con “La luce bianca del mattino” - Morellini Editore - 29 aprile, Cristina Ricci con “Storie di terre e di sapori” – Editrice Taphros - 5 maggio ed infine Quintino Mossa che presenterà il suo nuovo libro "La Pricunta - Editrice Taphros 13 maggio. La Rassegna Letteraria “Primavera con gli autori” è realizzata con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato della Pubblica istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport ed in collaborazione con la Biblioteca Comunale di Padru. RASSEGNA LETTERARIA PRIMAVERA CON GLI AUTORI VIII EDIZIONE Assessore alla Cultura: Sabrina Serra Direzione Artistica: Marco Eugenio Ronchi Segreteria Organizzativa: Eliana Marotto, Antonello Budroni, Pier Luigi Campus Assistenza e consulenza tecnica: Mauro Mibelli Grafica, Social: Matteo Micozzi Comunicazione: Cristina Marino Immagine Grafica della Rassegna: Gianni Polinas
Comune di Olbia, Assessorato alla Cultura: La Biblioteca Simpliciana presenta "Primavera in Biblioteca, Libri in fiore". Letture a cura di Catia Langiu. Dal 30 marzo 2021 ogni martedì alle 17:00 sui canali social della Biblioteca Civica Simpliciana. Nel solco della tradizione dei laboratori “Primavera in biblioteca” continuiamo a fornire stimoli e occasioni di crescita ai nostri bambini, anche a distanza, tramite la magia della lettura. Invitiamo tutti i bambini a partecipare. Inviateci le vostre foto e i vostri commenti sui nostri canali, o con WhatsApp allo 0789.26710, vi aspettiamo!
Poesia e musica, dialogo a tre. Le note di Mauro Mibelli. Il canto di Nicole Ruzittu. Le parole di Cristina Ricci. In diretta streaming sul canale YouTube della Biblioteca
Il Tea Letterario si riunisce di nuovo conversando del libro di Gianrico Carofiglio, La disciplina di Penelope Penelope si sveglia nella casa di uno sconosciuto, dopo l'ennesima notte sprecata. Va via silenziosa e solitaria, attraverso le strade livide dell'autunno milanese. Faceva il pubblico ministero, poi un misterioso incidente ha messo drammaticamente fine alla sua carriera. Un giorno si presenta da lei un uomo che è stato indagato per l'omicidio della moglie. Il procedimento si è concluso con l'archiviazione ma non ha cancellato i terribili sospetti da cui era sorto. L'uomo le chiede di occuparsi del caso, per recuperare l'onore perduto, per sapere cosa rispondere alla sua bambina quando, diventata grande, chiederà della madre. Penelope, dopo un iniziale rifiuto, si lascia convincere dall'insistenza di un suo vecchio amico, cronista di nera. Comincia così un'appassionante investigazione che si snoda fra vie sconosciute della città e ricordi di una vita che non torna. Con questo romanzo – ritmato da una scrittura che non lascia scampo – Gianrico Carofiglio ci consegna una figura femminile dai tratti epici. Una donna durissima e fragile, carica di rabbia e di dolente umanità. Un personaggio che rimane a lungo nel cuore, ben oltre l'ultima pagina del sorprendente finale.
Il Comune di Olbia con i ragazzi delle scuole superiori nei campi di concentramento di Dachau, Mauthausen, Gusen e Castello di Hartheim. Interverranno l'assessore alla Cultura Sabrina Serra, i docenti Mauro Menescardi, Gian Lorenzo Addis, Francesca Trivellin. Letture di alcune riflessioni degli studenti. Moderazione di Cristina Ricci
Scarica e stampa le dispense qui sotto, poi segui gli incontri. - Nell’ambito del progetto “Leggiamo in tutte le lingue del mondo”, organizzato dalla Biblioteca Civica Simpliciana, prosegue il Laboratorio di lettura animata di favole, storie, racconti, antichi e contemporanei, della letteratura hispano-americana per bambini. Vista l’attuale situazione di emergenza sanitaria, che impone la chiusura al pubblico degli spazi della biblioteca, si darà continuità al laboratorio attraverso i nuovi modi d’interazione con il supporto della tecnologia informatica. La finalità è quella di creare occasioni di “incontro virtuale” tra bambini e lettori madrelingua qualificati per condividere, tramite il processo della lettura, un approccio ludico e interattivo alla lingua spagnola, per scoprire nuovi vocaboli e usarli nel contesto adatto. Il progetto si realizzerà attraverso la trasmissione sul canale YOUTUBE della Biblioteca di una serie di appuntamenti a cura delle lettrici madre lingua Nivia Iglesias e Cristina Lodi Gli incontri si apriranno con una presentazione del testo scelto, dei personaggi e la lettura espressiva. Seguirà una rilettura con l’introduzione del vocabolario base, che si svolgerà avendo cura di predisporre un’atmosfera adatta a favorire il coinvolgimento dei bambini, attraverso utilizzo di oggetti, personaggi evocativi, parole in comune tra sardo e spagnolo, sottolineando le differenze nello spagnolo parlato nei diversi paesi ispanoamericani, giochi di parole e falsi amici, ecc. Per consolidare le nozioni impartite saranno proposte diverse attività. I partecipanti al laboratorio potranno interagire inviando i propri commenti, domande e suggerimenti al numero whatsapp della Biblioteca 078926710, con il supporto dei propri genitori/tutori. Potranno anche inviare i propri disegni o altre creazioni. Tutto il materiale (testi, immagini, vocabolario, attività proposte, video degli incontri, ecc) sarà disponibile sul sito della Biblioteca www.librami.it/olbia e sui canali social della biblioteca. Il primo ciclo riguarda la fascia di età tra i 6 e i 10 anni e sarà trasmesso alle ore 17:00 di mercoledì 23, giovedì 24, martedì 29, giovedì 31 dicembre 2020. Titoli degli appuntamenti: El descubrimiento de América: encuentro entre dos culturas (adaptación de varios textos históricos) La la yerba (leyenda argentina). El zorro y el Quirquincho (cuento chileno). El cochero azúl (cuento cubano). Il laboratorio “Leggiamo in tutte le lingue del mondo - La mochila del viajero”, è realizzato con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato della Pubblica istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport.
L’Assessorato alla Cultura del Comune di Olbia e la Biblioteca Civica Simpliciana comunicano che si sono conclusi i lavori della Giuria della VII edizione del premio letterario Città di Olbia, con il seguente risultato: RACCONTI BREVI ITALIANO 1° CLASSIFICATO - FESTE DI PRIMAVERA DI MARIA PIERANDREI, SAN SEVERINO MARCHE (MC) 2° CLASSIFICATO - TERRA MADRE DI ALESSANDRA JORIO, IMPRUNETA (FI) 3° CLASSIFICATO - LA SIRINGA DI ANTONIO VILLA, FORMIA (LT) RACCONTI BREVI IN GALLURESE E LOGUDORESE 1° CLASSIFICATO - SOS ULTIMO MURONES DI GINO FARRIS, NUORO (NU) 2° CLASSIFICATO - LI BROCCHI DI MARIA ANTONIETTA PIRRIGHEDDU, TEMPIO PAUSANIA (SS) 3° ¬ CLASSIFICATO - SOGNU D’UNA NOTTI DI MEZZA ISTATI DI DOMENICO BATTAGLIA, LA MADDALENA (SS) MENZIONE SPECIALE: L’ARSENALI MILITARI DI MASSIMO CUCCADU, LA MADDALENA (SS POESIE IN GALLURESE E LOGUDORESE 1° CLASSIFICATO - OHI CANTU CHERIA DI SEBASTIANO (ELIANO) CAU, SORGONO 2° CLASSIFICATO - SI CHERES DI GIOVANNI CHESSA, TORPÈ (NU) 3° CLASSIFICATO - A CINC’ORI DI DOMENICO BATTAGLIA, LA MADDALENA (SS) MENZIONI SPECIALI: ARMONII D’AUTORI DI ANDREA COLUMBANO, OLBIA (SS) NOVAS DIES DE ISPERA DI COSTANTINO LORENZO BRANDINU, CINISELLO BALSAMO (MI) ANIMA E CARRE DI GONARIO CARTA BROCCA, DORGALI (NU) SOLI E LUGI DI GIUSEPPE TIROTTO, CASTELSARDO (SS) RACCONTI BREVI JUNIOR 1° CLASSIFICATO - LA GUERRA DEI BAMBINI DI LUCA GIAU, SASSARI (SS) 2° CLASSIFICATO - PIÙ FORTE DI OGNI SOFFERENZA DI ZINEB KARBOUCH, FLORINAS (SS) La Giuria era composta dal prof. Francesco Pala, docente di filosofia, già Direttore della rivista filosofica “Giornale critico di storia delle idee”, scrittore e saggista con funzioni di Presidente, dalla dott.ssa Luana Scanu, formatrice esperta in Scrittura Creativa ed Editoria, dal prof. Quintino Mossa, presidente della Consulta Intercomunale della Gallura, dal sig. Paolo Russu socio fondatore della Consulta Intercomunale Gallura, e dal dott. Antonio Canalis, segretario del Premio Ozieri. Il “Premio” era articolato in quattro sezioni a tema libero: a) Racconti brevi in lingua italiana; b) Racconti brevi in gallurese e logudorese, in tutte le varianti. c) Racconti brevi Junior (età compresa tra i 10 ed i 16 anni non compiuti). e nella sezione unica di componimenti poetici, in rima o versi sciolti, in gallurese e logudorese, in tutte le varianti. A ciascuno dei prime tre classificati nelle sezioni “Racconti brevi in lingua italiana”, Racconti brevi in “gallurese e logudorese”, “Racconti brevi Junior” , “Racconti brevi per bambini in lingua italiana” e nella sezione unica di poesia in logudorese e gallurese verranno corrisposti i seguenti premi: 1° classificato: euro 500,00 2° classificato: euro 300,00 3° classificato: euro 200,00 Inoltre i racconti e le poesie risultate vincitrici nelle diverse sezioni saranno contenute in un volume antologico del premio pubblicato a cura dell’amministrazione comunale. Ai medesimi vincitori sarà, altresì, consegnata un targa di riconoscimento e n. 50 copie del predetto volume. A causa dell’’emergenza Covid19, la cerimonia e la consegna dei premi, in programma per il giorno 18 dicembre, è rinviata a data da destinarsi. La nuova data dell’evento sarà resa pubblica a mezzo stampa. Il Premio Letterario Città di Olbia VII edizione è realizzato con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato della Pubblica istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport.
Di Antonio Frau e Giovanna Sotgiu Dialoga con gli autori Piero Bardanzellu Le Bocche di Bonifacio non sono solo uno stretto di mare, ma una regione fisica che comprende le coste meridionali della Corsica e quelle settentrionali della Sardegna, costituendo, secondo l’originale definizione di Francis Pomponi, la Terza Isola, quasi una cerniera fra le due isole maggiori. Le popolazioni che hanno sempre abitato questa regione sono da sempre unite da rapporti sociali ed economici: per loro le Bocche sono state una facile via di comunicazione e di scambi, non un incomprensibile confine posto dagli Stati sovrani che di volta in volta le hanno amministrate. Protagonisti di questo lavoro sono proprio gli uomini e i luoghi di questa Terza Isola e i rapporti che essi hanno di volta in volta intessuto o dissipato anche per volontà dei potenti che qui hanno esercitato il loro dominio. Longonsardo, Santa Teresa, Porto Pozzo, la piana del Liscia, Palau, Capo d’Orso, l’arcipelago di La Maddalena, le isole Lavezzi e Bonifacio accennano qui le loro storie collegate l’una all’altra nello svolgersi cronologico degli avvenimenti (Il Tempo) e nelle rappresentazioni cartografiche delle terre e del mare che li unisce (I Luoghi).
Partecipa all'incontro Paolo Sorba Evento online Presentazione del libro "Sulle vie dell acqua. Le riserve idriche del sistema difensivo costiero" Anno di pubblicazione 2019 Genio Militare Giurisdizione Nord Sardegna – La Maddalena (a cura di Assunta Maria Pastò) Atti del Convegno del 8 maggio 2012.
Evento online Dialoga con l'autore: Caterina De Roberto Letture brani scelti: Elena Frau Che cosa c'è dietro il misterioso doppio suicidio delle sorelle Veronica e Laura Caputo, avvenuto a sole tre ore di distanza? Sarà l'ispettore Vittorio Corti col fidato Meloni a indagare, sospettando subito che i due suicidi siano in verità due omicidi. Dietro queste morti si nasconde un'impressionante trama criminale gestita dal "Direttorio" che riguarda la sottrazione e il traffico illegale di preziosi reperti archeologici, una serie di furti in appartamento e il commercio illegale di rifiuti tossici. Corti dovrà nuovamente opporsi al muro dei poteri forti che vogliono insabbiare la sua indagine, fra magistrati, forze dell'ordine e stampa asservita
In questo libro troviamo le chiacchiere, i pettegolezzi, le gaffes, dopo la recita, le descrizioni di mille commensali con cui per quarantacinque anni l'autore ha diviso la tavola.
È un libro che nasce dalle 40 parole raccontate in diretta a Radio Internazionale Costa Smeralda durante la quarantena COVID 19. Ogni giorno veniva presentata una parola, la sua etimologia e alcune riflessioni.
Ad aprire la rassegna sarà il giornalista Vindice Lecis che presenterà il suo ultimo romanzo storico dal titolo “Il cacciatore di corsari”. XV secolo. Nel Mar Mediterraneo la situazione è diventata insostenibile: corsari e pirati distruggono e razziano navigli e villaggi costieri e i conseguenti danni al commercio marittimo sono incalcolabili. Il re di Castiglia Enrico III affida allora al giovane e valoroso cavaliere Pero Niño il compito di eliminare una volta per tutte i pericolosi predoni del mare, tra i quali campeggiano i famigerati Juan de Castrillo e Arnau Aymar. I due corsari, secondo alcune indiscrezioni, navigano nei pressi di Barcellona diretti a nord. Pero Niño, senza esitazioni, organizza un equipaggio degno di una guerra e con due galee si lancia in un inseguimento frenetico lungo la costa iberica, scrutando ogni spiaggia e anfratto tra gli scogli dove le sue prede potrebbero nascondersi, fino a raggiungere la Francia. Da lì riparte verso sud, ma è obbligato a fronteggiare le tempeste infernali del canale di Corsica prima di approdare finalmente in Sardegna, dove nel frattempo i suoi bersagli sono stati avvistati. Sul l'isola, da mezzo secolo impegnata nella guerra di liberazione dal regno d'Aragona, il caos regna sovrano: mentre la povertà e la peste affamano le città e i villaggi, la classe dirigente è impegnata a risolvere una serie di incidenti diplomatici causati dalla misteriosa morte del giudice d'Arborea. Le imprese di Pero Niño, riprese per gran par te da un autentico memoriale celebrativo scritto nella prima metà del Quattrocento dal suo alfiere e intitolato opportunamente El victorial, sono diventate leggendarie e ora rivivono nel loro splendore in questo romanzo storico.
Con l’arrivo dell’autunno riprendono gli appuntamenti letterari organizzati dalla Biblioteca Civica Simpliciana e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Olbia. “Incontri d’Autunno” è il titolo della rassegna letteraria organizzata dalla Biblioteca Civica Simpliciana e promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Olbia, che si articola in 7 incontri con l'autore, che avranno luogo, nella Biblioteca Civica Simpliciana, dal 30 ottobre al 4 dicembre 2020 ed alla quale parteciperanno autori e relatori di diverse case editrici regionali e nazionali. L’iniziativa è inquadrata nell’ambito delle attività culturali del Comune di Olbia finalizzate alla promozione della lettura e della Biblioteca Civica Simpliciana, al fine di rafforzare il suo carattere di istituzione al servizio del cittadino, e quindi come centro di promozione di eventi culturali presso la cittadinanza olbiese e gallurese. Ad aprire la rassegna, venerdì 30 ottobre alle ore 17:00 in diretta streaming dalla sala conferenze della Biblioteca Civica, sarà il giornalista Vindice Lecis che presenterà il suo ultimo romanzo storico dal titolo “Il cacciatore di corsari”. I successivi incontri con l’Autore vedranno come protagonisti Luisa Cardinale con il libro “40 parole”, un libro che nasce dalle quaranta parole raccontate in diretta a Radio internazionale Costa Smeralda durante la quarantena Covid 19, Elena Pau con il libro “Aneddoti al ristorante dopo lo spettacolo” di Marco Parodi, Francesco Cossu con il giallo dal titolo libro “Prede inconsapevoli”. La l'incontro con Franca Carboni per la presentazione del libro “Grazia Deledda e il lettino dello psicanalista” è stato annullato. La rassegna poi prevede l'incontro con Assunta Maria Pastò che presenta il lbro “Le vie dell’acqua. Le riserve idriche del sistema difensivo costiero” ed infine Antonio Frau e Giovanna Sotgiu che presenteranno il libro dal titolo “Le Bocche di Bonifacio. Il tempo e i luoghi di una regione di frontiera”. A causa dei divieti imposti dal vigente DPCM del 24 ottobre 2020 gli appuntamenti saranno trasmessi in diretta streaming sul Canale Youtube della Biblioteca Civica Simpliciana.