TA1 36

+39 0998882892

culturapalagiano@libero.it

La BIBLIOTECA “Vito Laterza” è ubicata In quello che fu, fino al XIX secolo, il convento dei francescani conventuali. L’ edificio fu probabilmente eretto tra il XV e XVI secolo. Espropriato nel periodo napoleonico in seguito alla soppressione degli ordini religiosi e acquistato dal Comune, conserva attualmente inalterata la sua struttura. Il salone centrale ospita la sala lettura, ai lati, le celle dei monaci sono adibite a ufficio, mediateca e sala riunioni. Il primo nucleo librario della biblioteca risale ai primi anni ’80, acquisto effettuato dalla stessa Amministrazione comunale. Nei successivi anni il patrimonio è stato incrementato dalle numerose donazioni di privati cittadini e da altri acquisti, come l’ultima importante acquisizione finanziata dalla Regione Puglia. Oggi il patrimonio librario è costituito da circa 4.000 volumi collocati a scaffale aperto ed ordinati secondo la Classificazione decimale Dewey. Nei locali adiacenti alla sala lettura trova collocazione l'ARCHIVIO STORICO. Il patrimonio documentale dell’archivio storico copre un arco cronologico che parte dal 1809 ed arriva al 1970 e comprende, oltre all’archivio dello stato civile, quattro archivi aggregati : archivio dell’Ufficio di Conciliazione, archivio del Consorzio Veterinario, archivio del Patronato scolastico, archivio dell’Opera nazionale per la maternità e l’infanzia, archivio del Comitato di patronato di Palagiano. Fondazione: 30 ottobre 1970

Da A Da A
lun 09:30 12:30
mar 16:00 19:00
mer 16:00 19:00
gio 16:00 19:00
ven 09:30 12:30
sab
dom
Orario valido dal 15/05/2017
L'autore Si diploma alla Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia; pubblica vignette per Il Male di Sparagna, Animals, Sbam Comics e disegna strip e vignette per l’Agenda Ri- dens; collabora con Su.Go. (azienda di abbigliamento), Neos Magazine e Fatigatur (azienda Turistica per l’illustrazione di cartine comico/turistiche). Nonni e` il suo primo graphic novel. I libri: ’o Stablmend Storie di fumi, lotte e amore a Taranto Hazard Edizioni, ottobre 2017 Michele è un giovane operaio dell’Ilva di Taranto. Vive con la sua famiglia e ha una storia con Paola, la figlia di un notaio molto attiva nelle mobilitazioni contro l’inquinamento prodotto dallo stabilimento. Lei è sempre in prima fila nella denuncia delle nocività e delle malattie che colpiscono chi vi lavora e tutti coloro che vivono nell’area dell’immenso stabilimento, perennemente esposti alle sue emissioni. Lui, anche se consapevole della drammatica situazione ambientale, condivide con altri operai un diverso dilemma: Ilva significa lavoro e sopravvivenza garantiti, e questo smorza in loro la carica della ribellione contro l’ingiustizia che subiscono e il desiderio di una vita migliore, perché questa sopravvivenza garantita bisogna “sapersela tenere”. Se per Paola è stato facile decidere di scendere in strada e lottare, Michele, in vita sua, ha avuto poco da scegliere: il ricatto occupazionale ha pesato sulla sua esistenza come su quella di suo padre, di suo zio, di suo cugino e di tutti gli operai dell’Ilva, ma lui oggi si chiede se continuare – sapendo che prima o poi se ne ammalerà – o abbandonare quel lavoro e andare in cerca di un’altra vita. E Paola lo aiuta a scegliere... Nonni Tunuè edizioni Sandro è un postino in pensione, ha settantadue anni e dopo l’improvvisa morte di Lidia, l’amore di una vita conosciuto tra i banchi di scuola, si abbandona a una solitudine fatta di sigarette, finte partite a carte e pasti accompagnati dalla luce di un vecchio televisore. Le sue giornate scorrono lente e tristemente ripetitive finché scopre un mondo di anziani per cui la vita, e soprattutto il sesso, sono parte di un presente appagante, giocoso e del tutto normale. Allora Sandro s’innamora di nuovo, sperimenta come in una seconda adolescenza i piaceri della carne, e fa i conti con le occasioni mancate del proprio passato. Con un tocco fresco e grottesco insieme, Antonio Vinci firma una storia tragicomica e venata di squisita nostalgia per ricordarci, come diceva Charles Bukowski, che la vita non sa nulla degli anni.
Seguendo il secondo filone tematico proposto dal Centro per il libro e la lettura "2018 Anno Europeo del Patrimonio" verrà presentata ai cittadini la terza edizione della residenza artistica "2° piano Art residence". Il piccolo centro della provincia tarantina, Palagiano, si confronta per la terza edizione con l’Arte Contemporanea. L’Artista Cristiano Pallara, in collaborazione con Z.N.S.project invita Artisti, Creativi e Curatori ad esplorare, interagire e reinterpretare il territorio. Il tessuto sociale e urbano locale diventa tema di indagine e di produzione artistica, con la possibilità di poter svolgere il proprio lavoro in “Via Murat Art Container”, una piattaforma indipendente di incontro, confronto e interazione di idee. Programma della serata: - Presentazione degli Artisti selezionati tramite call aperta per "2°Piano Art Residence" 2018 - mostra "la Storia di una città attraverso le storie dei suoi cittadini" - videoclip "2°Piano 2017" Interverranno: - Avv. Domiziano Lasigna, Sindaco di Palagiano - Margherita Capodiferro, curatrice del progetto - Cristiano Pallara, artista - Danilo Rivo, Gallerista - Arianna Gravina, Bibliotecaria >> Cosa significa ospitare degli artisti invitati ad interagire con il tessuto sociale e urbano dell'entroterra tarantino? >> Cosa implica la condivisione di spazi domestici, urbani e quotidiani in ambito artistico? >> L'accoglienza fa cultura? >> L'Arte, la cultura, la creatività generano valore aggiunto per una comunità che accoglie? >> Si può raccontare una comunità attraverso l'espressione artistica? >> E quindi, A che serve l’Arte? #Acheservelarte #2piano #artresidence #viamurat #artcontainer #puglia
A partire da giovedì 10 maggio, appuntamento settimanale di letture ad alta voce per bambini e genitori. Gli incontri, della durata di circa un'ora sono gratuiti e hanno il fine di informare/formare i genitori sui benefici della lettura ad alta voce in età prescolare.
Una città più accogliente è anche una città a misura di bambini? Se ne parlerà questo pomeriggio in biblioteca con il sindaco Domiziano Lasigna, Elvia Lisa Di Roma, Anna Maria Petrera, Raffaella Intini e con i dirigenti delle scuole cittadine.
Gli alunni di prima e terza sez. D del segmento Scuola secondaria di primo grado dell'I.C. Gianni Rodari di Palagiano anche quest'anno non mancheranno all'appuntamento con Libriamoci (giornate di lettura nelle scuole di tutta Italia). Nella settimana dal 23 al 28 i giovani lettori, svincolati da ogni valutazione scolastica, e guidati dalla docente di Lettere, prof.ssa Vincenza Favale, si recheranno nelle classi del loro Istituto per 'dar voce' ai libri scelti: L'uomo che piantava gli alberi di Jean Giono e La lunga notte del tempo di Francesca Antonella Amodio. Il primo incontro avverrà presso la biblioteca comunale di Palagiano alla presenza dei genitori degli alunni, della dott.ssa Arianna Gravina (bibliotecaria), del D.S. dell’I.C. Gianni Rodari, prof. Pietro Rotolo. Un’iniziativa che intende creare uno spazio di espressione e partecipazione diretta e attiva dei giovani discenti e in questo modo diffondere il piacere della lettura ad alta voce.
Mercoledì 18 ottore alle ore 19.00 presso i locali della biblioteca comunale, l'Amministarzione Comunale, i progettisti ed i tecnici impegnati nella redazione del Progetto della “nuova biblioteca” incontreranno cittadini e referenti di tutti quei sodalizi – associazioni, imprese e realtà del terzo settore – maggiormente attivi nella creazione di cultura. L'incontro punta ad ottenere la massima condivisione e partecipazione per le scelte che afferiscono al progetto di restauro, allestimento e innovazione della Biblioteca Comunale "Vito Laterza" di Palagiano, candidata all’Avviso Pubblico “Smart In” per divenire Community Library.