USS 87

+39 079787638

bibliozieri@tiscali.it

Il servizio di pubblica lettura ad Ozieri ha subito negli anni (istituito nell'anno 1956) delle modifiche sostanziali. Tale servizio dal 1985 è stato aperto e potenziato nel seguente modo: 1. realizzazione della Biblioteca Centrale all'interno dell' Antico Convento di San Francesco; 2. decentramento dei servizi con l'apertura delle periferiche, negli agglomerati urbani di Chilivani e San Nicola; 3. istituzione del Sistema Bibliotecario Territoriale "Logudoro", gestito dalla Biblioteca Centrale di Ozieri in qualità di Centro Servizi , cui aderiscono biblioteche comunali di Alà dei Sardi, Berchidda, Buddusò, Ittireddu, Mores, Nughedu S.N., Oschiri, Pattada, Tula, Nule, Ardara, il "Premio Ozieri di Letteratura Sarda". Dal 1985, ha la sua sede definitiva all'interno dell' Antico Convento di San Francesco. Il Convento, adiacente alla omonima Chiesa, si trova nella Piazza Canonico Spanu, meglio conosciuta come Piazza San Francesco. La biblioteca è suddivisa in due piani, al piano terra è ospitata la sala polifunzionale (Auditorium) e la biblioteca dei ragazzi; al primo piano si trovano gli uffici, l’archivio, le sale di consultazione, l'emeroteca, la Sezione Sarda nonché la sezione locale, la sala di letteratura italiana, la sala di lettura straniera, la sala multimediale, la sala audiovisivi e la sala delle conferenze. La Biblioteca dispone di un ascensore per il pubblico diversamente abile e mette a disposizione il proprio personale per favorire la consultazione dei materiali da parte di tutti gli utenti. MGM

Da A Da A
lun 09:00 13:00 15:00 19:00
mar 09:00 13:00 15:00 19:00
mer 09:00 13:00 15:00 19:00
gio 09:00 13:00 15:00 19:00
ven 09:00 13:00 15:00 19:00
sab 09:30 12:30
dom
Orario valido dal 01/01/2012
“Voglio limitarmi a pensare che il mio mestiere è la vita e che la mia missione non è protrarre l'odio, bensì unicamente riempire queste pagine mentre aspetto il ritorno di Miguel, mentre sotterro mio nonno che ora riposa vicino a me in questa stanza, mentre attendo che arrivino tempi migliori, tenendo in gestazione la creatura che ho nel ventre, figlia di tante violenze, o forse figlia di Miguel, ma soprattutto figlia mia.” “Ogni tanto ho la sensazione che questo l’ho già vissuto e che ho già scritto queste stesse parole, ma capisco che non sono io, bensì un’altra donna, che aveva preso appunti sui quaderni affinché io me ne servissi.” “Quella notte credetti di avere perso per sempre la capacità d'innamorarmi, che mai più avrei potuto ridere o inseguire un'illusione. Però mai più è molto tempo. E l'ho potuto sperimentare in questa lunga vita.” "La memoria è fragile e il corso di una vita è molto breve e tutto avviene così in fretta, che non riusciamo a vedere il rapporto tra gli eventi, non possiamo misurare le conseguenze delle azioni, crediamo nella finzione del tempo, nel presente, nel passato, nel futuro". da "La casa degli spiriti" La scrittura per me è un tentativo disperato di preservare la memoria che mi consente di non perdere pezzi lungo il cammino. (intervista)
“Poiché abiterò su una stella e lassù riderò, quando guarderai il cielo la notte, per te sarà come se tutte le stelle ridessero. Avrai, tu, delle stelle capaci di ridere!”. “Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi.” “Tu, fino ad ora per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo.” “La vita ci ha insegnato che amare non consiste nel guardarsi l'un l'altro, ma nel guardare insieme nella stessa direzione.” La scomparsa “misteriosa” del poeta-aviatore contribuì a far crescere il mito sulla figura dello scrittore, ma soprattutto un uomo che ha saputo interpretare l’esperienza del volo come metafora della vita. Rendiamo omaggio a un autore da riscoprire e meditare. Buona lettura a tutti!
Torino, 1957. . Adelina ha quattordici anni e vive con la zia Amalia, una ricca vedova, parsimoniosa fino all’eccesso, che le dedica distratte attenzioni. Tra i banchi di scuola, la ragazza viene trattata come lo zimbello della classe: alla sua eta`, infatti, non e` in grado di ricordare le lezioni e ha difficolta` a leggere. Il reverendo Kelley, suo severo professore, decide allora di affiancarle nello studio la brillante compagna Luisella. Se Adelina comincera` ad andare meglio a scuola, pero`, non sara` merito dell’aiuto dell’amica ma di un dono straordinario di cui sembra essere dotata: la capacita` di leggere con l’olfatto. Questo talento, che la ragazza sperimenta tra le pagine di polverosi volumi di biblioteca, rappresenta tuttavia anche una minaccia: il padre di Luisella, un affascinante notaio implicato in traffici non sempre chiari, tentera` di servirsi di lei per decifrare il celebre manoscritto Voynich, “il codice piu` misterioso al mondo”, scritto in una lingua incomprensibile e mai decifrato. Se l’avidita` del notaio rischiera` di mettere a repentaglio la vita di Adelina, l’esperienza vissuta le lascera` il piacere insaziabile per i libri e la lettura. .E’ una storia divertente e piacevole, i personaggi sono facili da riconoscere e tutti hanno una particolarità impossibile da dimenticare. L’annusatrice di libri è una favola di quattrocento pagine per grandi e piccini. “L’annusatrice di libri” è un romanzo davvero delizioso, da non farsi scappare! Buona lettura!
Una partecipazione di pubblico apprezzabile, nel Centro Culturale San Francesco di Ozieri, martedì 28 luglio 2020 in occasione della Rassegna Letteraria "E..state con gli autori" . La 'mala' magistratura in un romanzo, l'inferno giudiziario di un innocente ispirato a una storia vera e all'inferno giudiziario di cui cade vittima il protagonista. Cosso sottolinea (come più volte nel suo romanzo), che si tratta di eventi rari e occasionali, che però possono minare irrimediabilmente la vita di persone innocenti e oscurare il lavoro della maggior parte dei giudici, che operano in maniera onesta e scrupolosa, cercando di garantire a noi cittadini la giusta applicazione delle leggi. Non è mancato l'intervento dell'autore, che motivando le ragioni che lo hanno spinto alla pubblicazione del libro ha ringraziato i presenti e quanti si sono adoperati per la realizzazione dell'opera e per la celebrazione dell'evento. A coordinare la rassegna letteraria, l'Ufficio Promozione dell'Istituzione San Michele di Ozieri con la collaborazione di tutto lo staff del Servizio Biblioteca e della Libreria Booklet Ozieri. Hanno dialogato con l'autore Mario Borghi e Gavino Saba. L'evento è stato realizzato con il Patrocinio dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Ozieri. Ringraziamo il pubblico che ha partecipato all'evento ed interagito con l'autore.
Giorgio Todde è uno dei fondatori, con Giulio Angioni, Michela Murgia e Marcello Fois, del Festival di Gavoi 'L'isola delle Storie' Oggi lo ricordiamo rileggendo alcune pagine di uno dei suoi romanzi: Oloferne arriva al Caffè del Silenzio, si ferma e legge le regole affisse all’ingresso. Riflette un poco e poi entra. Quando chiude la porta scompare di colpo ogni rumore superfluo, il silenzio gli entra attraverso le orecchie e arriva alla sua testa dolorante. Proprio come raccontano. Gli si avvicina un cameriere con l’indice posato sulla punta del naso per ricordare l’obbligo del silenzio, lo accompagna al tavolino, gli consegna un menù che racchiude la farmacopea del Silenzio e lui indica un caffè allungato. C’è musica, ma non arriva all’udito. "Al Caffè del Silenzio i vetri sono doppi e tutti stanno seduti da soli o in due, lo impone la regola. La regola al Caffè del Silenzio è il silenzio. E’ un voto obbligatorio anche per le coppie. Non ci sono dolci e la musica è sotto la soglia dell’udibile, immaginaria. Ci vanno tutte le teste riscaldate dal dolore e dalla tristezza che con le parole non ce la fanno più. Dicono che vanno ‘al Silenzio’ e incominciano a tacere sino da casa. Il sangue, al Silenzio, ritorna al suo posto e riprende la giusta direzione" Cit. da "Al caffè del silenzio" di Giorgio Todde
Salve agli appassionati lettori, volevamo ricordarvi che domani 28 Luglio alle ore 18.30 presso il Centro Culturale San Francesco di Ozieri ci sarà un altro appuntamento della Rassegna Letteraria "E..state con gli autori". Sarà nostro ospite Pier Bruno Cosso che presenterà il suo libro dal titolo "Solo danni collaterali" Dialogano con l'autore Mario Borghi con Gavino Saba. La rassegna è stata curata dall'istituzione San Michele del Comune di Ozieri con la collaborazione della Libreria Booklet, il personale della Biblioteca Comunale e del Servizio Civile, patrocinata dall'assessorato alla cultura del Comune di Ozieri. Vi aspettiamo!
Questo libro ci accompagna in un viaggio a ritroso nel tempo, toccante come solo il ricordo delle persone care scomparse sa essere. Forte e inesorabile, come il tempo di guerra di cui ci narra GlynisPeters. L’autrice costruisce il mondo di Elenor arricchendolo di numerosi personaggi di contorno, mai banali e tutti sapientemente delineati, con un ruolo preciso all’interno della storia.Tra questi il pilota canadese Jackson St John con cui scoccherà sin da subito una scintilla destinata a diventare qualcosa di più. Ma la guerra è crudele. Gli avvenimenti riguardanti l’avanzata di Hitler in Europa spargeranno presto ansia e terrore e costringeranno i protagonisti a compiere scelte che cambieranno loro la vita.La bambina con la valigia di cartone è in conclusione un romanzo appassionante e scorrevole, una lettura vivamente consigliata anche ai neofiti del genere storico e che saprà entrarvi nel cuore. Il libro e disponibile nella nostra biblioteca prenotandolo ai seguenti contatti: bibliozieri@tiscali.it; 079/787638; sito.web www.librami.it o tramite la pag.Facebook: Ozieri in biblioteca. Vi aspettiamo, buona lettura a tutti! P.S. Dopo aver letto il libro vi invitiamo a lasciarci una recensione nei commenti; sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà fermare per leggerlo anzi al contrario! Dovrà spingerci a leggerlo ancor di più per poter dire la nostra....
.La serata di ieri sera per la presentazione del libro (In anteprima della sua uscita) “Lampadari a gocce” di Savina Dolores Massa ha avuto un buon successo grazie anche alla conduzione della relatrice e poetessa sassarese di origini ozieresi Luana Farina, in arte Amantìa Aisha Martinelli che ha dialogato con l’autrice, argomentando assieme a lei alcuni passi salienti del libro, ed anche alla splendida cornice del Chiostro del Centro Culturale San Francesco di Ozieri. Prossimo appuntamento da segnare in agenda sarà il martedì 28 luglio alle ore 18.30 con la presentazione del libro di Pier Bruno Cosso dal titolo “Solo danni collaterali”, relatore Mario Borghi.. Vi aspettiamo!
Oggi 22 Luglio 2020 alle ore 18.30 presso il Centro Culturale San Francesco ad Ozieri la scrittrice Savina Dolores Massa presenta il suo ultimo romanzo "Lampadari a gocce ed. Il Maestrale. Dialoga con l'autrice Aisha Martinelli (Alias Luana Farina) Vi aspettiamo!
In vacanza non può mancare il libro "Diario di una schiappa".... PREMIO ANDERSEN 2011, (Il Premio Andersen è il più prestigioso riconoscimento italiano attribuito ai migliori libri per ragazzi, ai loro autori, illustratori ed editori) .è stato UN' EVENTO NELLA LETTERATURA PER RAGAZZI. Diario di una schiappa racconta gli alti e bassi della vita familiare e scolastica di un personaggio divertentissimo: Greg, uno “scolaro” medio, alle prese con i travagli dell’adolescenza, il rapporto con i grandi e i più forti, che si racconta in prima persona, alternando scrittura a fumetti. Diario di una schiappa ha inoltre un’origine online, certo è uno dei motivi alla base dello straordinario passaparola che ha fatto conoscere il protagonista GREG. Diario di una schiappa si propone inoltre come una sorta di “antidoto letterario”, per nulla retorico, contro ogni forma di bullismo, perché tutto è raccontato da un ragazzino “normale” che in qualche modo, nel “suo” modo, goffo, imprevedibile, anche e soprattutto esilarante, riesce a cavarsela sempre. Greg non eccelle in nulla, non è forte, non è bravo con le ragazze, è spesso in difficoltà e a disagio con chi è più forte e aggressivo di lui e proprio non ce la fa a capire gli adulti. E questo gli ha permesso di far breccia nel cuore di così tanti giovani lettori. Molti dei volumi sono disponibili nella nostra biblioteca ...... Vi aspettiamo!
Terzo appuntamento della Rassegna Letteraria curata dall'Istituzione San Michele del Comune di Ozieri con il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura e con la collaborazione della Libreria Booklet Ozieri, il personale della Biblioteca, il Servizio Civile Biblioteca e la ProLoco Ozieri. Il 22 lUGLIO 2020 alle ore 18,30, nel chiostro del Centro Culturale San Francesco di Ozieri, la scrittrice Savina Dolores Massa presenterà, IN ANTEPRIMA, il suo nuovo romanzo "Lampadari a gocce". Dialoga con l'autrice Amantìa Aisha Martinelli (alias Luana Farina). Ingresso libero.
Buongiorno amici lettori Per non dimenticare 19 Luglio 1992 La strage di via D’Amelio è uno degli episodi più feroci della strategia stragista di Cosa nostra di inizio anni Novanta; Il giudice siciliano, Paolo Borsellino membro del pool antimafia, venne assassinato in via D’Amelio a Palermo il 19 luglio 1992, insieme a cinque agenti della scorta. Sono passati 28 anni tra processi, depistaggi, inchieste che non hanno fatto piena luce su tutti i livelli di coinvolgimento nella strage. Insieme all'amico e collega Giovanni Falcone, anch’egli ucciso da Cosa Nostra pochi mesi prima, è considerato una delle figure di spicco della guerra alla criminalità organizzata in Sicilia.... Per ricordarlo, abbiamo raccolto in questo articolo una delle sue frasi più belle e celebri sulla mafia, la vita e la giustizia. La lotta alla mafia dev'essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità. Cit. P.Borsellino Nella nostra biblioteca potete trovare la monografia "Paolo Borsellino : silenzi e voci : momenti della storia di un uomo" pubblicato nel 2002, nel decennale della strage di via D'Amelio, con cui la Sezione Distrettuale di Palermo dell'Associazione Nazionale Magistrati ha voluto ricordare Paolo Borsellino con un percorso emozionante di foto per raccontare l'uomo e il magistrato ma anche un pezzo della nostra storia. Il volume ha toccato i cuori di molti, risvegliando la volontà di tentare, ancora una volta, di aprire un orizzonte esistenziale diverso per quanti subiscono l'oppressione mafiosa. Buona lettura a tutti
Salve amici lettori, ha avuto già inizio la rassegna letteraria "E..state con gli autori" curata dall'Istituzione San Michele, con il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura e con la collaborazione della libreria Booklet del Comune di Ozieri in programma dal 8 Luglio al 22 Settembre 2020. Voglia di dialogo e di confronto, si è voluto promuovere questo spazio culturale all'aperto pensato per i lettori, gli autori e per i semplici appassionati di lettura dando piena libertà di trovarsi di fronte uno scrittore e poter interagire con lui. "E..state con gli autori" è una rassegna nella quale scrittori e scrittrici si raccontano, ci parlano dei loro libri e delle loro emozioni. Vi aspettiamo!
Conosciuto come Il giovane Holden, il libro è stato originariamente intitolato The Catcher in the Rye, in riferimento a una canzone attribuita a Robert Burns, Comin’ Through the Rye. L’autore, J.D. Salinger, ambienta le vicende in un’ipotetica cittadina della Pennsylvania, Agerstown. Il protagonista è un ragazzo di nome Holden Caulfield, appartenente a una famiglia benestante. Tuttavia, la vita del diciassettenne è tutt’altro che serena: frustrazioni a livello scolastico, sociale e psicologico gli impediscono di essere spensierato come i suoi coetanei. I temi principali nei lavori di Salinger sono la descrizione dei pensieri e delle azioni di giovani disadattati, adolescenti sempre silenziosi che non esprimono ciò che provano, la capacità di redenzione che i bambini hanno su questi, e il disgusto per la società borghese e convenzionale. Salinger fu uno degli ispiratori del movimento letterario della Beat Generation, insieme ad altri autori. Libro cult per milioni di ragazzi di ogni generazione. Per chi volesse leggerlo o rileggerlo il libro è disponibile nella nostra biblioteca prenotandolo ai seguenti contatti: bibliozieri@tiscali.it; 079/787638; sito.web www.librami.it o tramite la pag.Facebook: Ozieri in biblioteca. Buona lettura a tutti
L' evento si è svolto nella bellissima cornice del Centro Culturale San Francesco di Ozieri. assieme agli amici dell' Istituzione San Michele, all'assessore Ilenia Satta, a Mario Borghi per come ha saputo condurre la serata senza mai cali di tensione e con una professionalità di alto livello, ad un pubblico attento e soprattutto ai personaggi usciti dalla penna di Gianfranco Cambosu. La prossima settimana toccherà all'autrice Savina Dolores Massa che, assieme ad Amantìa Aisha Martinelli (alias Luana Farina), faranno un prestigioso regalo a Ozieri e agli ozieresi. Preparatevi: mercoledì 22 luglio ore 18.30 presso il chiostro del Centro Culturale San Francesco. Vi aspettiamo!
La presentazione, collegata alla XXV edizione di Estiamo In Piazza, vedrà ospite Gianfranco Cambosu e il suo ultimo romanzo “Il paese delle croci”, un racconto dalle tinte noir ambientato negli Anni ’70 in un paesino del Nuorese. Cambosu, scrittore originario di Nuoro, insegnante di Lettere e appassionato di Archeologia, giunge al suo quarto romanzo dopo “Menzogna dell’arca” (Ennepilibri, 2006 finalista del Premio Deledda), “Pentamerone barbaricino” (Fratelli Frilli, 2009) e “Il cronista era atteso” (Parallelo45 Edizioni, 2013 finalista del Premio Barney). L’autore dialogherà con Ilenia Satta, Assessora alla Cultura, e con Mario Borghi della Libreria Booklet di via Roma, Ozieri. Evento su prenotazione: 079 787638
Martedì 14 luglio 2020 sarà con noi Gianfranco Cambosu: docente di Lettere, appassionato di Archeologia e già scrittore di importanti romanzi, fra cui “Il cronista era atteso” (Parallelo45 Edizioni, 2013), inedito e finalista del Premio Barney. L’autore presenterà il suo ultimo romanzo “Il paese delle croci” (Emersioni, 2019). Una storia dalle tinte noir, ambientata in un paesino del nuorese, negli anni ‘70. Dialogheranno con l’autore l’Assessore alla Cultura Ilenia Satta e Mario Borghi della Libreria Booklet di via Roma ad Ozieri
È lampante l’attualità del classico di Dostoevskij, il cui protagonista è un giovane scrittore solitario e senza amici che vaga per le vie di una San Pietroburgo notturna, anelando a un incontro capace di suscitargli delle emozioni reali e non solo immaginate. Infatti l’alienazione e l’evitamento sono due comportamenti molto più frequenti nella nostra contemporaneità che all’epoca dell’autore russo. Familiare è l’incapacità di aprirsi genuinamente alle persone che ci circondano (tra le quali mettiamo sempre più schermi e issiamo muri sempre più alti)… “Era una notte incantevole, una di quelle notti come ci possono forse capitare solo quando siamo giovani, caro lettore”. Lo scrittore è un fantasma che si aggira nelle vite degli altri, un osservatore che tesse in segreto la sua rete, prende dalla realtà e trasforma, fa e disfa trame, ruba le sembianze e gli eventi dalla vita e li inserisce in un sogno di sua fattura. Perso nelle sue fantasticherie, spesso si dimentica del mondo reale. Questa è la sorte del protagonista de Le notti bianche, scrittore ideale ma non di professione, un giovane senza amici, “né buoni conoscenti, né qualcuno con cui dividere la propria gioia nei momenti di gioia”. La solitudine è il motore della sua immaginazione che lo porta a vagare per le vie di una San Pietroburgo notturna, anelando a un incontro capace di suscitargli delle emozioni reali e non solo immaginate. Il suo desiderio è sincero per quanto la sua indole l’abbia sempre portato a preferire i suoi sogni alla compagnia dell’Altro. Non si tratta infatti di un essere ripugnante ma di un giovane uomo, che conosce tutti ma che nessuno conosce, bloccato tra l’attesa della vita e la paura stessa di vivere. Il libro e disponibile nella nostra biblioteca prenotandolo ai seguenti contatti: bibliozieri@tiscali.it; ?? 079/787638; sito.web www.librami.it o tramite la pag.Facebook: Ozieri in biblioteca. Buona lettura a tutti
Salve amici lettori vi ricordiamo che domani 14 luglio 2020 alle ore 18.30 si svolgerà il secondo appuntamento della rassegna letteraria "E..state con gli autori". Sarà nostro ospite l'autore Gianfranco Cambosu che presenterà il romanzo "Il paese delle croci" presentato dal relatore Mario Borghi. L'evento si svolgerà all'aperto presso il Chiostro del Centro Culturale San Francesco di Ozieri... Vi aspettiamo numerosi
Pronti per il secondo appuntamento della rassegna letteraria *E..state con gli autori* ? Vi aspettiamo martedì 14 Luglio 2020 in Biblioteca presso il Centro Culturale San Francesco di Ozieri previsto per le ore 18.30. Sarà nostro ospite l' autore Gianfranco Cambosu con il suo libro "Il paese delle croci" #promuoviamolalettura #estatecongliautori #ozierieventiestate2020 Vi aspettiamo