[Premio ANDERSEN 2017 (36. edizione) - Vincitore categoria “Miglior libro oltre i 15 anni”- Motivazione:] Per la capacità di affrontare tematiche e situazioni delicate senza scivolare nel didascalico. Per la volontà di non indugiare tra sentimentalismi, ma di inseguire la concretezza dei legami. Per un romanzo di formazione insolito, che trova forma in una fuga lungo paesaggi della provincia italiana, intensa e credibile. [dalla recensione di Anselmo Roveda - n. 334 Andersen luglio/agosto 2016] - Dario è un adolescente sfrontato, lo incontriamo in presidenza accompagnato dalla prof. Delfrati a prendersi una ramanzina. Non deve essere la prima. Lui, a detta della prof. del resto, è una mela marcia. E Dario se ne frega, sembra fregarsene, anche questa volta. Non si lascia toccare da nulla, neanche dalla sfuriata del preside. Gli toccherà occuparsi per qualche tempo di un alunno disabile: Andy. Dario ne combina una delle sue: scappa con Andy e la sua carrozzina. Destinazione Torre Saracena. E' da lì che sono arrivate le ultime notizie di suo padre, una cartolina superficiale. E' l'inizio di una road story tutta italiana e provinciale, credibile e intensa. Un'amicizia.(dc/CSB GE)


  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo