La morte. Tentiamo di esorcizzarla, abbagliati dal miraggio dell'eterna giovinezza, ma appartiene indissolubilmente alla realtà dell'uomo. Accettare la perpetua sfida della condizione umana significa anche riconciliarsi con l'ineluttabile attraverso la magia di un rito senza tempo, imparando che ricomporre con rispetto ed eleganza un corpo senza vita può aiutare a riannodare i fili della propria, di vita. "Departures", premio Oscar" 2008 per il miglior film straniero, racconta la sorpresa continua dell'esistere, la scoperta del mistero che consente ai vivi di guarire curando i morti e guardando nell'unico modo possibile l'infinito che attende tutti noi: con il sorriso sulle labbra. Perché, in fondo, non si tratta d'altro che di scavalcare un cancello e dirsi addio.


  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo