“L’isola delle anime” di Piergiorgio Pulixi è un inquietante e meraviglioso ritratto di un luogo che possiede storia, tradizioni e straordinari riti arcaici: la Sardegna. Tra bouganville e stupendi scorci di autentica bellezza, il male si insidia e miete vittime. Eva Croce, ispettore capo della polizia, e Mara Rais, sono costrette a lavorare insieme, nonostante non riescano a sopportarsi e la loro diversità sia nota a tutti i colleghi, ma dei casi agghiaccianti le porteranno spalla a spalla a dover percorrere la Sardegna in lungo e in largo. Eva Croce e Mara Rais dovranno risolvere infatti dei vecchi casi, i cosiddetti cold case, in cui le vittime sembravano colpite da riti ancestrali e da qualcosa che ha a che fare con il sovraumano, con una natura naturans che non perdona. Finché cercano di capire cosa è accaduto in passato, gli stessi avvenimenti, con le medesime e crudeli procedure, accadono a due passi dal loro cammino e allora quello che possono fare è comprendere un’isola che preserva i misteri, li accudisce e li amplifica rendendoli impossibili da raggiungere. Nel frattempo l’assassino seriale continua a colpire e Eva Croce e Mara Rais rimangono senza difese, anch’esse possibili vittime dell’Isola delle anime. Piergiorgio Pulixi ci regala tramonti, mare cristallino e una scia di morte che sporca le strade e le facciate di un luogo misterioso e che non perdona.


  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo