"Avevo 12 anni, ho preso la mia bici e sono partita per andare a scuola..." Comincia così, con semplicità sconvolgente, il racconto di Sabine Dardenne, sopravvissuta a ottanta giorni di prigionia nel covo sotterraneo di Marc Dutroux, il "mostro di Marcinelle". Rapita il 28 maggio del 1996, condotta nel soffocante cunicolo della cantina della "casa degli orrori", Sabine ha ancora con sé la cartella di scuola, l'unico, fragile legame con il mondo esterno e la sua infanzia rubata. Ed è nei fogli dei suoi quaderni che Sabine trova la forza per non impazzire, scrivendo lettere disperatamente lucide alla madre e annotando l'incubo delle violenze, delle sevizie, delle minacce subite.


  • Esegui il per poter scrivere
  • Un libro che racconta in tutta la sua crudezza il vissuto e subito da Sabine Dardenne durante il suo rapimento ad opera del "mostro di Marcinelle", un essere abietto, dalla mente malata che la stessa natura ripudia. Con tutto il suo coraggio è riuscita a sopravvivere alle violenze di questo essere ed a testimoniare contro il suo carnefice. Una bambina allora, oggi una donna da ammirare.