È il 1962 quando John Paul Vann raggiunge per la prima volta il Vietnam come consigliere militare. Sbarcato a Saigon, Vann si rende conto che le forze sudvietnamite sono demotivate e mal addestrate. Ma, soprattutto, rimane scioccato da una realtà di omicidi e torture che rischia di far precipitare gli Stati Uniti nel pantano di un conflitto sporco, corrotto, ingovernabile. Comprende che la sistematica tortura dei contadini e gli scriteriati bombardamenti che colpiscono i civili ben più dei vietcong non potranno che portare la popolazione a mobilitarsi sotto le bandiere comuniste. Il suo grido d'allarme rimane però inascoltato. Il libro ha vinto Pulitzer e National Book Award.


  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo