Tracy Petrikoff ha una dote innata per la caccia. La ragazza ha dovuto lasciare la scuola per il suo temperamento indomito e trascorre i suoi giorni seguendo le tracce degli animali selvatici e guidando i suoi cani da slitta nei boschi sterminati che circondano la casa di famiglia. Pur sentendosi perfettamente a suo agio in quelle lande lontane da tutto e da tutti, Tracy continua a seguire le regole di sua madre, da poco scomparsa: "Mai perdere di vista la casa", "Mai tornare a casa con le mani sporche" e soprattutto "Mai ferire un essere umano". Queste precauzioni, però, non bastano a proteggere Tracy quando un giorno qualcuno la attacca nei boschi, sconvolgendola. L'indomani un uomo dall'aria spaventosamente familiare uscirà dalla foresta gravemente ferito da un brutto taglio - una ferita che avrebbe potuto provocare il coltello che Tracy porta sempre con sé. E quest'uomo ad averla attaccata? Ed è stata lei a ridurlo così? Con la memoria ancora confusa, non può esserne certa. Aiutare il padre a superare la morte della madre e prepararsi all'incombente gara di slitta, l'Iditarod, non le lasciano il tempo per ripensare all'accaduto, fino a quando uno straniero alla ricerca di lavoro, Jesse Goodwin, bussa alla loro porta. I misteri si infittiscono e si intrecciano: il desiderio fortissimo di Tracy di cacciare e la sua misteriosa connessione con le prede, lo strano modo in cui Jesse si sta facendo strada nella famiglia senza chiarire le sue intenzioni, il volto minaccioso di uno sconosciuto in mezzo alla folla, le impronte di stivale trovate al limitare della foresta... Tracy lo sente: la sua famiglia è in pericolo. Scoprire la verità basterà a proteggerla o la minaccia è più vicina di quanto Tracy non sospetti?


  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo