"Un divertimento. È un modo per far capire ai grandi cosa pensano i bambini, dato che non li ascoltano quasi mai": è così che Emma definisce, in maniera ingenua, ma profonda, il libro che la vede protagonista e ispiratrice, nato da una serie di conversazioni con Alain Elkann, durante le quali si è raccontata, si è "confessata", diventando il portavoce della sua generazione, di un mondo in cui "sono più importanti i divertimenti che i doveri". Ma davvero i bambini vogliono solo divertirsi, senza considerare ciò che li circonda, oppure il loro atteggiamento deriva da un desiderio di confronto con gli adulti "che credono di sapere tutto"? Polemica e indipendente, timida e sognatrice, con le sue risposte che affrontano i piccoli e i grandi temi della vita, Emma ha voluto aprirci una porta; adesso sta a noi seguire il cammino.


  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo