Il nome di Ernesto Olivero è legato al Sermig, l'Arsenale della Pace di Torino, cui hanno fatto seguito altri arsenali in Brasile e Giordania. La scommessa di Olivero, che può vantare interlocutori in tutto il mondo ed è stata sostenuta da personaggi del calibro di Giovanni Paolo II e Madre Teresa di Calcutta, è che la pace sia possibile a partire dai luoghi più disagiati e dalle persone più a rischio, ma anche più generose, i giovani. A loro principalmente egli si rivolge con questi pensieri.


  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo