Un patto col diavolo per il suo ritratto: due occhi inquietanti, di minacciosa vivezza. Quel ritratto nasconde un tesoro e una maledizione insieme: chi fissa quegli occhi demoniaci non può sottrarsi alla smania del successo, all'avidità di denaro, all'angoscia, alla morte. Un pittore lo ha casualmente acquistato ed è subito travolto dalla funesta seduzione. Rinuncia allo studio, alla disciplina; pensa solo ad arricchirsi, a conquistare una facile fama perdendo ogni talento e originalità. Ecco la maledizione diabolica del ritratto: la dissoluzione della capacità artistica. A "Il ritratto" sono affiancati tre scritti di Gogol' sul tema dell'arte: "Scultura, pittura e musica" e "L'ultimo giorno di Pompei" del 1835, e "Il pittore storico Ivanov" del 1847.


  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo