La protagonista dei romanzi di Margherita Oggero, la "profia" è ormai un mito della letteratura gialla e non solo: ironica, brillante (forse troppo brillante per trovarsi a suo agio nella scuola italiana del Duemila...), caustica, la quarantenne insegnante di lettere dell'Istituto Tecnico Fibonacci si destreggia tra la famiglia (una ragazzina mediamente rompiscatole, un umorale cane bassotto, una nonna catastrofica e un marito mediamente polemico verso le scarse virtù casalinghe di una donna incapace di servire piatti più elaborati della famigerata "fettina alla professoressa") e la burocrazia scolastica. Una donna curiosa, appassionata di enigmi, leggermente frustrata, tignosa e a volte un po' irritante, che nei momenti di depressione tende a bere qualche Punt e Mes, ma che tutto sommato sembra destinata a una vita piatta e un po' noiosa. E invece finisce sempre per mettersi nei pasticci, che si tratti dell'omicidio di una bellissima collega un po' snob, del rapimento di una ragazzina o della morte di una sua amica. Per fortuna, a tirarla fuori dai guai, arriva, come il cavaliere delle favole, il commissario Gaetano...


Al momento non ci sono biblioteche collegate a questo titolo
  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo