Cookie Consent by Free Privacy Policy website

La produzione letteraria di Evagrio Pontico (345-399) sui requisiti fondamentali della vita monastica nasce dalla sua esperienza di monaco nel deserto e lo colloca tra le figure più eminenti dell'età aurea della patristica, annoverandolo tra i primi teorici del monachesimo. Sulla traccia di questa particolare produzione letteraria, in questo volume si raccoglie, sotto il titolo di Sentenze, la serie completa dei testi gnomici del monaco pontico, che disegna attraverso queste sentenze un percorso spirituale volto ad ampliare la capacità del monaco di confrontarsi con le passioni per distaccarsene, in un processo di elevazione dalla conoscenza sensibile a quella spirituale, che deve considerarsi la vera aspirazione di chi sceglie la via del deserto e il vero compimento della vita di ogni monaco, ma anche di chiunque è impegnato in una personale ricerca spirituale. La nota opera di Evagrio Pontico Gli otto spiriti della malvagità viene qui per la prima volta edita nella sua forma più estesa, la recensio longior. La disamina dei vizi e delle passioni e la loro progressione all'interno dell'animo umano ci introduce in un ordine di peccati molto vicino a quello della nostra modernità dove l'uomo, che ha reciso ogni legame con la Trascendenza, esprime la condizione di un essere drammaticamente solo, bruciato dall'orgoglio di considerarsi misura di tutte le cose e prigioniero di uno spazio troppo angusto perché volontariamente dimentico del suo legame con l'Infinito.


  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo