Grezzo, puro, naturale, senza edulcoranti... Brut, insomma, come lo champagne. Nel nostro caso come l'arte prodotta al di fuori dei contesti professionali, scolastici, culturali e commerciali prestabiliti, opere di artisti irregolari e a volte perturbanti. La definizione di Art brut è del pittore francese Jean Dubuffet, che alla metà del XX secolo cerca e promuove i prodotti creativi dei pazienti psichiatrici, dei carcerati, degli incolti, di quei "nuovi primitivi" che, liberi da condizionamenti, possono restituire all?arte un bagliore di verità. Non parliamo qui di arte naïf (che, nata come movimento spontaneo, è stata poi fortemente condizionata dalle spinte del mercato) ma di manifestazioni marginali che nascono da un impulso creativo interiore.



  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo