'Una vita' avrebbe dovuto chiamarsi 'Un inetto'. Una parte consistente della narrativa dell'ultimo Ottocento, tramontati gli eroi 'positivi', vede sorgere personaggi di diversi, la cui 'inettitudine' è spesso originata dal 'male di vivere', ed ha radici filosofiche nella rinuncia schopenhaueriana.



Cerchi un'altra biblioteca? Verifica se è attiva in Librami
  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo