E’ luogo comune che la narrativa poliziesca abbia inizio da un racconto di Edgar Allan Poe, poeta maledetto e poligrafo geniale, The Murders in the Rue Morgue (1841). Il cavaliere Auguste Dupin si presenta come primo investigatore dilettante (ma sino ad un certo punto, perché di denari ha sempre bisogno) svelando un enigma che parrebbe insolubile e ponendo le regole di un filone narrativo di grande successo. Poe praticò il sottogenere da lui creato solo in altri due racconti. The Mystery of Marie Rogét (1842) e The Purloined Letter (1844), ma il suo esempio è stato seguito da migliaia di emuli.