Una sirena non può essere prigioniera. Sembrava tutto così perfetto. Una vita piena, solare come una belle fotografia, pensava, e le fotografie non mentono. E quando un uomo dice ti amo lo dice sul serio, pensava anche. E fare l'amore è una cosa diversa dal sesso-e-basta; è intersezione di due corpi e due menti, unite da sincerità, e rispetto, e stima. Lo pensava davvero, questo. Soffrire per un'ombra sul viso, uno sguardo sfuggente, e pensare è colpa mia, non sono all'altezza; lo pensava spesso. E allora dimenticare ciò che si è, perfino annullarsi pur di renderlo felice. Esistere soltanto per lui, principe azzurro atteso da sempre, annunciato nei sogni d'infanzia. Perchè vivere una favola è possibile, succede a pochi, è vero, ma succede... Tutte queste cose pensava. Prima di aprire gli occhi, smarrita, su un mondo non suo. La casa davanti al mare ora è vuota, ricordi e voci lontane, e un desiderio forte nel cuore. Era una sirena, lei. E voleva essere libera.



  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo