Un coinvolgente romanzo storico-politico che trae spunto da un reale fatto di cronaca - l'assassinio di un prete corrotto. Siamo nella Vigàta di fine Ottocento - il protagonista, un 'siciliano che parla genovese', testimone dell'uccisione del prete, poche ore dopo aver reso la sua deposizione viene arrestato e accusato proprio dell'omicidio denunciato. Questo drammatico rovesciamento dei ruoli lo costringe a combattere per affermare la propria innocenza; e ci riuscirà, recuperando il suo dialetto, il siciliano, e con esso il modo di pensare dei suoi padri. È questa la mossa imprevista che spiazza l'avversario, la mossa che, infine, gli darà la vittoria. Andrea Camilleri ci consegna in forma di narrazione una straordinaria dichiarazione di poetica 'in atto' e, allo stesso tempo, una sconcertante e paradossale storia di manipolazioni continue della realtà e di sopraffazioni antiche e attualissime.