Nell'intera vicenda del dramma si proiettano le tortuose incertezze della figura del re, in un'atmosfera inquieta di incompletezza, di intenzioni contraddette, di azioni che non dintano mai del tutto atto, di una realtà che inesorabilmente muta se stessa, a cui non sfugge a tratti lo stesso Bastardo di Faulconbridge, antesignano dell'immagine dell'eroe trionfante, Enrico V, sorta di metafora della "virtus" della nazione inglese.



  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo