Presentato al Sundance e a Berlino, candidato all'Oscar 2011 per il miglior documentario, il mockumentary "Exit through the gift shop" è un ironico gioco di specchi tramite il quale il trentacinquenne inglese Banksy, uno dei più misteriosi graffitari del mondo, traccia un'inedita storia della street art degli ultimi dieci anni e di alcuni dei suoi protagonisti più bizzarri e anticonformisti. Sulla vicenda di Thierry Guetta, videoamatore ex gestore di un negozio di abiti vintage di Los Angeles, nasce, per usare le parole del regista, "una pellicola dedicata a un uomo che ha tentato un'impresa impossibile: fare un film su di me, ma ha fallito", ma dietro l'intento satirico si nasconde un vero e proprio disaster movie sul mondo della pop art di oggi. Attraverso l'obiettivo di Guetta, e grazie all'incredibile quantità di materiale preziosissimo da lui filmato, emergono la personalità dell'artista di Bristol, la genesi dei suoi murales coraggiosi e spiazzanti e l'affermazione di un'idea militante e originale di democratizzazione dell'arte contemporanea.


  • Esegui il per poter scrivere
  • Scrivi il primo commento per questo titolo